Carta d'Identità del Parco
Organizzazione Sede e Servizi Statuto Regolamenti Confini e Legge Istitutiva Delibere Organigramma Albo Pretorio per atti fino al 23-02-2015 Albo Pretorio
Gli Uffici
Segreteria Presidenza Ufficio Tecnico Ufficio Sanzioni Amministrative Ragioneria e Personale Sportello Ambientale
Progetti
Progetto Integrato Territoriale Centro Educazione Ambientale Progetto Archicharter
Il Parco Informa
Documenti in consultazione Bandi, Concorsi ed Avvisi Gare d'Appalto Cartografia del Parco Modulistica Corsi Comunicati Stampa Eventi e Manifestazioni Associazioni Tour Operator Galleria Fotografica MAPPA DEL SITO LINKS CONTATTI
COME UN GRANDE LIBRO

Una montagna è come una biblioteca. Il suo inizio si perde nei meandri del tempo, e non ha mai fine. Ci si può viaggiare dentro, ed è una scoperta continua, di valle in valle, di cima in cima. Giunti sulla vetta più alta, si resta con in bocca il sapore della libertà. E non si vorrebbe smettere, viene voglia di tornare a valle e camminare per i boschi, cercare e scoprire, e poi salire ancora.
Una montagna è un libro da leggere e rileggere: le sue pagine sono pieghe di roccia, anfratti e campi; narrano vicende umane e naturali antiche.
Il Matese si estende per oltre sessanta chilometri, a cavallo tra Campania e Molise. È l’anello di congiunzione fra regioni tra loro molto diverse, il punto di incontro di due culture. Così come è l’incontro tra due mondi geologici: quello del calcare, rigido e luminoso, fatto di creste e profonde valli, e quello morbido d’argilla, tondo e sinuoso, che si allunga fino all’Adriatico.
Il Monte Miletto, massima elevazione del massiccio, raggiunge i 2.050 metri sul livello del mare. Da questa vetta lo sguardo può spaziare senza impedimenti in tutte le direzioni. In basso i tre laghi del massiccio, il Lago Matese, quello di Gallo e quello di Letino. Poco oltre le affilate Mainarde, e in lontananza la Maiella e persino il Gran Sasso. Da ovest a est, sul profilo di montagne e colline, è scolpita la storia geologica di questa parte della penisola.
Sollevato da potenti spinte tettoniche, il calcare del Matese ospita alcuni tra i fenomeni carsici più eclatanti dell’intero Appennino: profonde grotte fatte di pozzi e meandri in cui scorrono fiumi vorticosi, che formano cascate e laghi solo in parte esplorati. Su questa montagna la dissoluzione e l’erosione hanno lavorato insieme, incidendo valli, conche e pianori. Anfratti e luoghi ameni in cui crescono maestose faggete, e dove pascolano indisturbate mandrie e greggi, e galoppano cavalli allo stato brado.

Informazioni generali
Come Raggiungerci Il Piano di Interpretazione del Parco Scopri il Matese
Natura
Come un grande libro L'orologio di pietra Tra laghi e faggete La memoria dell'acqua
Arte e Cultura
Antiche origini Da pastori a guerrieri Borghi, rocche e castelli Tempi moderni Matese è tradizione Matese è gusto
Turismo
Avventure d'alta quota Spazio alle gambe Esplorazioni sopra
e sotto la terra
Sport per tutti Ospitalità Musei Sagre, fiere e feste
NEWS

Warning: mysql_connect(): Access denied for user 'Sql202995'@'62.149.145.206' (using password: YES) in /web/htdocs/www.parcoregionaledelmatese.it/home/site/conn/db_conn.php on line 6
Errore nella connessione a MySql: Access denied for user 'Sql202995'@'62.149.145.206' (using password: YES)